Cinecittà sta riconquistando Hollywood

Molti i set aperti negli studi di cinecittà dalle produzioni americane

pubblicato il 19/04/2015 in Musica e spettacolo da Valentina Roselli
Condividi su:
Valentina Roselli

Hollywood riprende gusto alla dolce vita romana.  Dopo decenni di vacche magre per i mitici studi di Cinecittà  i grandi produttori americani  ritornano sulle rive del Tevere. Dopo James bond ,  sono cominciate  le riprese  di Zoolander 2, Ben Hur, Christ the Lord , Out of Egypt e Voice From the Stone . Cinecittà conta di realizzare anche le riprese  di  “L’inferno”  ispirato al romanzo di de Dan Brown.

Una   manna per i  paparazzi  ha hanno ripreso servizio nelle trattorie dalle quali escono star dal calibro di  Daniel Craig, Ben Stiller, Owen Wilson e Morgan Freeman.
Questo ritorno di grazia di Roma  agli occhi di Hollywood ha anche dei motivi  economici. La nuova legge americana "Tax credit cinema" permette in effetti ai produttori  statunitensi  di dedurre oneri per il 25% dalle tasse dal totale dei loro investimenti e la caduta dell’euro nei confronti del dollaro fa il resto.

A questo prezzo la maestria degli artigiani di Cinecittà,  conosciuta a livello mondiale, diventa un vero affare.  Così dietro la facciata dei leggendari studi romani  si allestisce una straordinaria replica del Circo Massimo  dove si corre la celebre corsa dei carri di  Ben Hur , che accoglie in questi giorni   80 cavalli e 800 comparse.
I produttori americani sono molto sensibili alla semplificazione del lavoro e alle facilitazioni e inoltre, cosa non meno importante, le star holliwoodiane non sono certo  immuni dal fascino della città eterna, che tanto ammaliò  Marlon Brando, Liz Taylor e  Charlton Heston,  icone della dolce vita romana alla fine degli anni 50.  


La rinascita di  Cinecittà arriva in un momento in cui il cinema italiano conosce un momento di euforia . Tre film  sono in competizione per la Palma d’Oro a Cannes:  quello di Nanni Moretti, Paolo Sorrentino e Matteo Garrone. Nel corso degli ultimi anni i film italiani hanno collezionato dei premi importanti per ultimo   La Grande Bellezza di Paolo Sorrentino.

I successi internazionali però non hanno impedito il calo delle presenze nelle sale,  orari caotici, locali chiusi, ostruzionismo dei  distributori nei confronti del cinema d'autore, assenza delle versioni originali   nelle sale di Roma, Milano e Torino. Per  gli spettatori è sempre più difficile  avere una scelta e i film italiani non sono profeti nella loro patria. 

PARTECIPA AL GIORNALE

Sei già registrato?

Accedi con login e password