Non due milioni, ma qualche migliaia di persone al Family day

Affluenza minore rispetto a quella prevista al Family Day ieri a Roma

pubblicato il 31/01/2016 in Politica da Valentina Roselli
Condividi su:
Valentina Roselli

I partecipanti al family day sono stati qualche migliaia, quando gli organizzatori speravano almeno un milione. "Il maggior numero di persone possibile devono partecipare, ricordate che è l'unica arma che abbiamo! Aveva dichiarato l'organizzatore del" Family Day " Massimo Gandolfini.

Diversi oratori hanno si sono dati il cambio sul podio del Circo Massimo sovrastato da una grande striscione "E 'vietato rottamare la famiglia" riprendendo lo slogan caro a Matteo Renzi,
"Una società che mette più limiti è una società che impazzisce," ha urlato Gandolfini tra la folla di genitori, nonni e bambini riuniti nel centro della Città Eterna sotto un cielo cupo.

Famiglie hanno fatto pic-nic sotto l’altro striscione "In tempo di elezioni, dobbiamo ricordare che si è schierato con le famiglie ei bambini che hanno dimenticato", forse conoscendo quando il tema stia a cuore al premier.

Gli oppositori della legge Cirinnà dicono di voler difendere i diritti e soprattutto il futuro dei bambini, che, dicono, hanno bisogno di un padre e di una madre.
Ma anche all'interno della maggioranza di centro-sinistra, sono le misure supplementari che sono problematici: la possibilità di beneficiare di una pensione di reversibilità e soprattutto di adottare i figli naturali del loro coniuge.

Gli alleati di centro-destra di Renzi, il suo ministro dell'Interno Angelino, rifiutano categoricamente l'adozione del figlio del coniuge, così come la frangia cattolica del Partito Democratico (PD, la maggioranza) che minaccia di chiedere un referendum abrogativo se la legge passa come è.
Per ora, i sondaggi, mostrano un’opinione pubblica piuttosto fluttuante che condivide le unioni civili, ma è fortemente contraria alle adozioni da parte di coppie dello stesso sesso.

La Conferenza Episcopale Italiana (CEI) e ha ribadito in una dichiarazione la sua "preoccupazione" per ogni tentativo di mettere "alla pari" matrimonio e unioni civili, con l'introduzione di una "famiglia alternativa".
La votazione finale sul disegno di legge è prevista Cirinnà metà febbraio. Ma deve poi essere approvato dalla Camera dei deputati negli stessi termini, qualsiasi modifica del testo mentre significa  il suo ritorno al senato.
 

PARTECIPA AL GIORNALE

Sei già registrato?

Accedi con login e password