Ricchiuti (P.P.I.) " Lettera aperta alla parte produttiva del Paese"

Tutte nostre le colpe se questa Italiaccia va male

Articolo di giornalismo partecipativo pubblicato il 08/03/2016 in Politica da Paolo Ambrogi
Condividi su:
Paolo Ambrogi

 

" Per quanto mi sforzi a migliorare, malgrado l’impegno profuso e la fatica, non ci sono segnali di miglioramento, anzi, per ogni passo avanti sembra di farne due indietro… Le uniche cose che sembrano aumentare, con l’aumentare del lavoro sono: le rogne con i clienti, sempre più sfiancanti e puntigliosi, gli insoluti, perché dopo averci macerato le palle durante l’ordine, alla fine si “dimenticano” di pagare la fattura, e le spese… non ne parliamo.

Essere imprenditori o comunque, lavoratori autonomi è una fregatura… Almeno se vuoi rimanere “pulito” e onesto… E’ assurdo, in qualunque altro paese del mondo industrializzato, i lavoratori autonomi sono visti come una risorsa, un bene e sia mai, un esempio da seguire… In questa Italietta tutta chiesa e parlamento, il “self made man” è visto alla stregua dei peggiori criminali… Tutte nostre le colpe se questa Italiaccia va male, solo noi evadiamo il fisco, imbrogliamo sui prezzi e lavoriamo “in nero”, solo noi scellerati, le colpe sono tutte e solo nostre, quindi è giusto stratassarci, renderci impossibile l’accesso al credito, e non per ultimo, affossarci di raccomandate di Equitalia. Però, a guardare bene, forse forse non hanno mica torto… Basta guardarci quando rientriamo a casa dopo una lunga giornata passata a rubare alla povera gente, o a frodare l’onestissimo fisco, come siamo ridotti? Stanchi, doloranti e sfatti, pallidi, sfiniti e delusi, sguardi tristi, animi distrutti e una sola impellente necessità, buttarsi nel letto per lasciarsi alle spalle la giornata…

Ma il sonno è poco e tormentato, quindi ci si “sveglia” che non sembra neanche d’essere andati a dormire e ci si alza con la consapevolezza che le cose non miglioreranno… E’ proprio vero, il crimine non paga, siamo destinati al baratro o se ci va bene, alla galera… Dovremmo prendere esempio dalla nostra casta, ops… classe dirigente, basta guardarli, sempre belli, ben vestiti e pettinati, anche quelli che i capelli non li “avevano più”, sono sani, abbronzatissimi e praticamente immortali, non per niente l’istituzione del “senatore a vita” è una loro invenzione, ma la cosa più bella di tutte, quella che sopra ogni altra mi ha fatto capire che devo smettere di lavorare in proprio, devo smettere di alzarmi alle 6 del mattino, devo smettere di dannarmi l’anima per sbarcare il lunario, insomma devo smettere di delinquere…

Io sono stanco di tutto ciò , sono stanco di delegare , nessuno può risolvere i nostri problemi , perchè nessuno li conosce come noi, sono stanco di essere additato come il male di questo Paese, e lancio un appello a tutti i lavoratori autonomi , artigiani, agricoltori , piccoli imprenditori , basta a farci prendere per i fondelli , dobbiamo fare da noi, il progetto con il movimento Popolo Partite Iva è partito , e ci fidiamo solo di chi conosce e li vive questi problemi ,ma da soli o in pochi, siamo nulla senza il concreto impegno di ciascuna partita iva.

Stiamo creando per ogni regione delle rappresentanze di tutti i settori produttivi , per poi essere pronti alle politiche , non dobbiamo farci trovare impreparati o questi ci annientano . Dobbiamo solo poter tornare a dire “Finalmente siamo tornati a vivere… perchè eravamo stanchi di sentirci mucche da mungere per poi essere abbandonati a noi stessi a latte terminato ,grazie a leggi emanate da gente che non ha mai conosciuto il sacrificio del lavoro… Io ci credo , aspetto anche te ."

 

PARTECIPA AL GIORNALE

Sei già registrato?

Accedi con login e password