Grillo e Di Battista denunciati dalla candidata genovese

L'accusa della ex grillina è diffamazione

pubblicato il 01/04/2017 in Politica da Samantha Ciancaglini
Condividi su:
Samantha Ciancaglini

"Siamo tranquillssimi", i due leader del Movimento Cinque Stelle, Beppe Grillo e Alessadro di Battista, non sembrano essere preoccupati dell'accusa si diffamazione da parte dell'ex grillina, Marika Cassimatis.

"Prepariamoci perchè ora arriva di tutto", dicono Grillo e Casaleggio: sono il primo partito, e cose come queste potrebbero spezzare l'unione del movimento, come sta già accadendo, e dara benzina a Renzi.

Si è infuriato Di Battista. Per quanto in allerta da giorni, il più amato dalla base grillina non aveva alcuna voglia di appendersi al collo quella che lui chiama una "medaglia al valore" e avrebbe preso "molto male" la sua prima iscrizione nel registro degli indagati.

Ammette Grillo che il caso della Cassimatis è stato un autogol, una diffamazione a livello politico non è la cosa più appropriata, soprattutto perchè, se la candidata genovese dovrebbe vincere, i M5s non potrebbero più schierare Luca Pirondini.

PARTECIPA AL GIORNALE

Sei già registrato?

Accedi con login e password