Alfano: "Expo al sicuro da attentati. Combattiamo le mafie e non le grandi opere"

Al secondo atto della due giorni di Firenze il ministro garantisce la sicurezza della manifestazione

pubblicato il 28/03/2015 in Politica da Ignazio Angelo Pisanu
Condividi su:
Ignazio Angelo Pisanu

È un Angelino Alfano a tutto tondo quello della due giorni organizzata a Firenze in vista dell’Expo milanese del 2015. Il ministro ribadisce la fermezza nella lotta alla mafia e alla corruzione ma sottolinea che “Abbiamo lavorato affinché l'Expo non diventasse ragione di successo per ladri e malfattori e "criminalità organizzata".

Continua Alfano:

“Abbiamo distrutto il paradosso che in Italia i grandi eventi si debbano trasformare o in grandi incompiute o delle grandi abbuffate per qualcuno”. “Il nostro sistema stoppa l’infiltrazione di aziende legate alla criminalità”.

Sulla sicurezza della manifestazione il ministro è chiaro – “Noi con il decreto anti terrorismo e l’operazione strade sicure abbiamo mobilitato 4800 militari in snodi sensibili e 1000 di questi saranno impiegati in snodi fissi”. Questo permette, secondo quanto affermato dal ministro, di “liberare da questo compito il materiale umano di polizia, carabinieri e guardia di finanza, che potrà essere impiegato in altro modo”. Carabinieri, Gdf e Polizia dunque saranno impegnati in prima linea per garantire la sicurezza dell’Expo.

 

PARTECIPA AL GIORNALE

Sei già registrato?

Accedi con login e password