Legge dei Caregiver Familiari Italiani

I Caregiver Familiari italiani sono coloro che si prendono cura nella propria casa di congiunti non autosufficienti

Articolo di giornalismo partecipativo pubblicato il 15/12/2016 in Salute e alimentazione da Sabrina Vara
Condividi su:
Sabrina Vara

L’Italia è l’unico Paese di area occidentale a non aver ancora previsto una legislazione che valorizzi il lavoro di cura di una persona non autosufficiente a causa di una grave disabilità  e ne salvaguardi i diritti fondamentali quali salute, riposo e vita sociale. Senza dimenticare che le aspettative di vita dei Caregiver Familiari sono ridotte anche di 17 anni rispetto alla normale popolazione, come scientificamente dimostrato dagli studi del Premio Nobel per la Medicina 2009 Elizabeth Blackburn, a causa dello stress cui sono sottoposti, stress che cresce in modo esponenziale quando ci si trovi senza sostegni istituzionali come accade in Italia.

Assistere perennemente una persona gravemente malata non è semplice, in poco tempo si impara tanti mestieri, cioè a fare il medico, l'infermiere, l'operatore socio sanitario, il logopedista, il fisioterapista e tantissimo altro. Ti devi ricordare mille scadenze, le medicine da somministrare, tutti gli  episodi medici ecc. Oltre allo sforzo mentale esiste soprattutto quello fisico. Dover accudire, lavare, vestire una persona non autosufficiente è fisicamente stancante e non solo, magari si devono utilizzare anche macchinari salvavita oltre che ogni situazione è differente, quindi capitano famiglie dove devono vivere situazioni difficili e critiche ogni giorno nella totale indifferenza. Tutto questo senza riconoscimenti da parte dello Stato.

Invece, sottolinea il Coordinamento famiglie disabili, in modo del tutto incomprensibile nonostante l’intervento dell’Unione Europea che ha sollecitato da oltre un anno, ma senza risposta, il Ministero della Salute italiano e il recente coinvolgimento dell’ONU che ha espressamente invitato l’Italia a considerare i Caregiver Familiari quali “peers” ossia meritevoli di tutele e risposte sociali quanto le persone con disabilità delle quali si curano, il DdL 2128 non è stato ancora calendarizzato per l’inizio della discussione parlamentare.

La promotrice del Disegno di Legge, la Sen. Laura Bignami del Gruppo Misto, insiste in particolar modo sulla questione dei diritti inalienabili davanti ai quali nessuno può appellarsi alle coperture finanziarie. Così come si sono trovate le risorse per le pensioni di reversibilità in caso di unioni civili in quanto “cosa buona e giusta” allo stesso modo per i diritti dei Caregiver Familiari non ci sono scuse ne' alibi: devono essere riconosciuti e bisogna farlo subito dopo decenni e decenni di attesa e di sollecitazioni da parte della società civile.

I Caregiver Familiari italiani non possono più aspettare – afferma il Coordinamento Nazionale Famiglie Disabili – in quanto si tratta di un’emergenza sociale davanti alla quale la politica non può più girarsi dall’altra parte. Una norma che tuteli almeno le situazioni più gravose è equiparabile ad un farmaco salvavita, è necessario e deve essere a carico dello Stato.

In soli due giorni ' diventata virale sui social network la campagna #unaleggesubito  Lanciata lo scorso 3 dicembre in occasione della giornata mondiale delle disabilità

#unaleggesubito
https://www.facebook.com/hashtag/unaleggesubito?source=feed_text

promossa dal Coordinamento Nazionale Famiglie Disabili ha lo scopo di sollecitare la calendarizzazione del Disegno di Legge n.2128, a prima firma Laura Bignami con il concorso trasversale di altri 90 Senatori, da parte della Commissione Lavoro del Senato perchè inizi al più presto l’iter legislativo della norma che prevede il riconoscimento giuridico dei Caregiver Familiari italiani e la loro tutela a livello previdenziale, sanitario ed assicurativo.
La campagna prevede la pubblicazione su facebook e su altro social di una foto con l'hastag #unalegge subito. E le adesioni sono arrivate numerose.


Grazie a Maria Simona Bellini Palombini per l'aiuto nella stesura dell'articolo.

PARTECIPA AL GIORNALE

Sei già registrato?

Accedi con login e password