Serie B, il Frosinone di nuovo in vetta

Ciociari di nuovo primi in attesa della Spal

pubblicato il 08/04/2017 in Sport da Gianluca Vivacqua
Condividi su:
Gianluca Vivacqua
Federico Dionisi - Il suo gol ha illuso il Frosinone

Gloria sabatina, gloria (spesso) truffaldina.

Al di là dei proverbi possibili, comunque, ciò che conta per il Frosinone è essere riuscito, ancora per una sera, a riassaporare l’ebbrezza di essere da solo in cima alla classifica, staccando la Spal, che era tornata ad affiancarla dopo il turno infrasettimanale.

Il problema è che gli estensi non hanno ancora timbrato il cartellino, in questa XXXV giornata di cadetteria: lo faranno nel tardo pomeriggio di domani, a Brescia. Per Giani e compagni, questo è certo, sarà tutt’altro che facile scardinare il fortino della squadra di Cagni, bisognosa di punti com’è, eppure per riagganciare i volsci  basterà loro solo un punto.

Già, un punto: tutto quello che il Frosinone è riuscito ad ottenere dalla trasferta di Ascoli, davvero un’occasione buttata alle ortiche per garantirsi la sicurezza di mantenere la leadership almeno in condominio, nel peggiore degli scenari (cioè in caso di vittoria spallina nella tana della Leonessa). Invece, al gol tardo di Dionisi al 77’ ha risposto, in extremis, Favilli (95’), che ha consentito ai bianconeri di interrompere la striscia negativa perdurante da tre turni e di rifilare ai giallorossi di Marino, come detto, un sabato di gloria, che al  75%... potrebbe non fare storia!

Ragionando in soldoni, con questo pari l’Ascoli aggancia il Cesena, oggi grande corsaro all’ “Arena Garibaldi”, la tana del Pisa decurtato di punti  e derelitto. Appena due punti più sotto sta il Vicenza, l’altro pirata di questo turno, più maramaldo ancora dei romagnoli, visto e considerato che la sua vittoria a Latina lascia i pontini, anch’essi lesi nella classifica durante la settimana, nella loro palude di disperazione.

Nella zona a ridosso delle prime, il Cittadella aggancia il Benevento al quarto posto battendo i sanniti nello scontro diretto al “Tombolato”; questo risultato consente al Verona di giocare il posticipo serale a Novara senza particolari patemi, dal momento che, alla peggio, la sua posizione di classifica non subirà scossoni.

Nuovo stop esterno per il Bari nella sua anabasi ai playoff: la battuta d’arresto è significativa perché viene imposta ai peucezi  da un diretto concorrente, lo Spezia. Ma non hanno fatto meglio le altre formazioni che aspirano ad un posto al sole, anzi sono state tagliole per tutti: ha perso, infatti, il Perugia in casa del Trapani, che sembra ormai immesso sull’autostrada della salvezza, ma hanno dovuto soccombere anche la Virtus Entella a Vercelli, il Carpi ad Avellino e la Salernitana a Terni.       

Risultati: Latina-Vicenza 0-1; Ascoli-Frosinone 1-1; Ternana-Salernitana 1-0; Trapani-Perugia 3-0; Pro Vercelli-Virtus Entella 1-0; Cittadella-Benevento 1-0; Pisa-Cesena 0-1; Avellino-Carpi 1-0; Spezia-Bari 1-0; Brescia-Spal (domenica); Novara-Verona (lunedì). 

Classifica: Frosinone 62; Spal 61; Verona 58; Benevento, Cittadella 54; Perugia 52; Spezia 51; Bari, Virtus Entella 50; Carpi 48; Novara, Salernitana 46; Avellino 44; Pro Vercelli 42;  Cesena, Ascoli 39; Trapani 38; Vicenza 37; Brescia, Ternana 35; Pisa 32; Latina 31. 

PARTECIPA AL GIORNALE

Sei già registrato?

Accedi con login e password