MotoGP, GP Germania 2021: guida pista del Sachsenring

Un tracciato corto e tortuoso, ricco di curve a sinistra e poco esigente per l’impianto frenante. Scopriamone le caratteristiche

Articolo di giornalismo partecipativo pubblicato il 15/06/2021 in Sport da Dennis Ciracì
Condividi su:
Dennis Ciracì
La mappa del Sachsenring Circuit (foto: MotoGP sito web ufficiale)

Dopo la cancellazione dell’edizione 2020 a causa dell’emergenza sanitaria dettata dalla pandemia Coronavirus, il Sachsenring Circuit ospiterà questo weekend la settantesima edizione del gran premio della Germania nel Motomondiale. Per il tracciato situato nello località di Hohenstei-Ernstthal in Sassonia, che ha fatto il proprio esordio nel panorama motociclistico nel marzo 1996, si tratterà dell’edizione numero venticinque della storia. La pista è lunga 3671 metri ed è costituita da 14 curve, delle quali tre a destra e dieci a sinistra. Le distanze di gara prevista per ciascuna delle quattro categorie sono le seguenti: MotoGP (30 giri, 110.1 km), Moto2 (28 giri, 102.8 km), Moto3 (27 giri, 99.1 km), MotoE (8 giri, 29.4 km).
Il record assoluto della pista appartiene a Marc Marquez, che nel 2018 aveva fatto registrare la pole position col crono di 1:20.270. Il record sul giro in gara, invece, è 1:21.442 ed era stato segnato da Jonas Folger nell’edizione 2018 in sella alla Yamaha Tech3.
Osservando l’onboard camera della Honda di Marc Marquez sul sito ufficiale della classe regina, si può analizzare il tracciato tedesco. Dalla linea di partenza alla prima curva vi sono poco più di duecento metri di distanza. In fondo al rettilineo del traguardo, che misura 700 metri, vi è la frenata della curva 1, la più impegnativa della pista. Secondo i dati forniti dalla Brembo, le MotoGP decelerano da 293 km/h a 73 km/h nello spazio di 252 metri e nell’arco temporale di 5,5 secondi, esercitando un carico sulla leva del freno di 5,7 kg e subendo una decelerazione di 1,4 G.
La prima curva è’ una destra da affrontare in seconda marcia a 75 km/h alla quale segue il cambio di direzione verso sinistra per la curva 2, da fare con la medesima marcia ma a una velocità di 103 km/h. In seguito vi è verso destra la curva 3, la cui velocità di percorrenza è di 88 km/h sempre in seconda. Dopo la tre, vi è una sequenza di ben sei curve a sinistra in successione: curva 4 (3a marcia, 105 km/h), curva 5 (3a, 115 km/h), curva 6 (4a, 170 km/h), curva 7 (4a, 155 km/h), curva 8 (4a, 145 km/h), curva 9 (4a, 185 km/h) e infine la curva 10 (4a, 165 km/h). Successivamente alla dieci vi è il cambio di direzione verso destra per la velocissima curva 11, da affrontare a 275 km/h in sesta velocità. Il successivo allungo in discesa porta verso le ultime due curve del tracciato, ambedue verso sinistra in terza marcia, la 12 e la 13, le cui velocità di percorrenza sono rispettivamente di 115 km/h e 100 km/h.

PARTECIPA AL GIORNALE

Sei già registrato?

Accedi con login e password