A Silverstone vince Hamilton

Gara con bandiere rosse; fuori Rosberg, Alonso sesto

pubblicato il 06/07/2014 in Sport da Elena Caracciolo
Condividi su:
Elena Caracciolo

A Silverstone è stata disputata una gara vissuta, sudata, consumata fino all’ultimo secondo dell’ultimo giro.
Il Gran Premio di Gran Bretagna è stato infatti interminabile, in quanto al primo giro sono state esposte bandiere rosse, per via del testacoda di Felipe Massa (avvenuto alla partenza) e dell’incidente di Kimi Raikkonen (con tanto di gomma sul tracciato), il quale ha visto la propria monoposto girare su essa stessa e schiantarsi bruscamente sul lato sinistro.
Il pilota finlandese della Ferrari è stato controllato nell’ospedale adiacente al circuito, ma incolume è rientrato ai box circa due ore dopo, senza rilasciare alcuna intervista.
Per fortuna nulla di grave per il pilota, ma per la Ferrari si tratta di giorni distruttivi e di morale a pezzi (nonostante Alonso sia stato abile e aggressivo, almeno nella seconda parte di gara).
La gara è stata interrotta dopo un giro ed è ripresa alle ore 15:06, praticamente circa sessanta minuti dopo.
Quando i piloti sono ripartiti, le Mercedes erano comunque le migliori in pista, con Nico Rosberg e Lewis Hamilton in testa.
Ma la favola è durata poco per il Nico Rosberg che ha ottenuto ieri la Pole Position: il biondino della Mercedes è stato costretto al ritiro per problemi al cambio.
Insomma, il vincitore del Gran Premio di Silverstone è Lewis Hamilton, che si piazza davanti ad un aggressivo e fenomenale Bottas (su Williams).
Terzo posto per Dani Riccardo, che si ritrova due posizioni davanti al compagno di scuderia Sebastian Vettel, che chiude quinto.
Tra loro c’è Jenson Button, il pilota di casa, che non riesce ad ottenere il gradino più basso del podio e che deve accontentarsi del quarto posto.
Sesto posto per Fernando Alonso: lo spagnolo della scuderia di Maranello è stato tenace, sopra le righe, volenteroso di fare bene e consapevole di attraversare un periodo difficile e di fare di tutto per valicarlo e dimenticarsene.
Lo spagnolo è stato autore di molteplici sorpassi e in parte ha riscattato l’umore disperato di casa Ferrari, ma c’è ancora tanto da lavorare, specie sulla costanza.
Gara emozionante, gara in bilico, gara che non smentisce il tracciato di Silverstone rinomato e decantato per il composito week end che è in grado di regalare.
 

PARTECIPA AL GIORNALE

Sei già registrato?

Accedi con login e password