Inarrivabile Rosberg nelle qualifiche americane

Hamilton secondo, Ferrari sesta e nona; Vettel in difficoltà

pubblicato il 01/11/2014 in Sport da Elena Caracciolo
Condividi su:
Elena Caracciolo

Gran Premio degli Stati Uniti con qualifiche all’insegna dell’inedito.
Sul difficile quanto spettacolare tracciato dalle curve indistricabili, il miglior tempo che vale 1.36:037 lo autografa Nico Rosberg su Mercedes.
Si tratta dello stesso Rosberg che nelle libere di questa mattina guidava in modo compulsivo una nervosissima monoposto, dello stesso Rosberg che si piazzava ad un invalicabile secondo da Lewis Hamilton, ma si tratta anche del medesimo Rosberg che ha dominato in q2 e che ha azzerato i tempi dello scorso anno (stratosferici a dire della critica!) di Sebastian Vettel.
Secondo posto colorato del medesimo argento della freccia Mercedes per Lewis Hamilton impegnato nella faticosa rincorsa del compagno di team e distante da lui di maledettissimi 306 millesimi.
Terzo e quarto posto per le due Williams motorizzate Mercedes di Bottas e Massa (ottime nella terza tornata) e quinto posto per Dani Ricciardo, su una RedBull che le ali se l’è inventate.
Sesto tempo per Fernando Alonso (ottimo in q1, meno prestante in seconda e terza eliminatoria).
Settimo e ottavo posto per le due McLaren di Magnussen e Button e solamente nono Kimi Raikkonen su Ferrari.
Chiude la topten un Sutil che ha fatto miracoli e che appare evidentemente in forma, sulla propria Force India.
Inedite, dunque, le prestazioni di Rosberg e inediti i suoi tempi e la sua strategia, ma certamente il tratto più inedito di queste qualifiche americane è il diciassettesimo posto di Sebastian Vettel (che qui vinse nel 2013, prendendosi applausi ed inchini).
Il tedesco della RedBull proprio non ce l’ha fatta a passare la prima eliminatoria e, rassegnato, è rimasto ai box e ha visto il sabato qualifiche disegnato e modellato su prestazioni che non sono le sue.
In attesa della gara, gli Stati Uniti mettono il giusto gas in pista e preparano ad una domenica che sembra proprio a misura Mercedes.
 

PARTECIPA AL GIORNALE

Sei già registrato?

Accedi con login e password