Calciomercato, derby per Ibra?

Biabiany alla corte di Mancini, Juve parla turco

pubblicato il 14/07/2015 in Sport da Gianluca Vivacqua
Condividi su:
Gianluca Vivacqua
Iago Falque, dal Genoa alla Roma

La notizia di copertina di quest’oggi non riguarda un acquisto, bensì una vendita.

Ė quella di El Shaarawy, la piccola bandiera italo-egiziana del Milan, ceduto al Monaco per 20 milioni. Con il “Faraone”, la squadra del Principato rimpiazza Carrasco, trasferitosi all’Atletico Madrid.  La squadra rossonera, intanto, nonostante l’intenzione del Paris Saint-Germain di blindare il giocatore, non molla per Ibrahimovic, che a sorpresa, nelle ultime ore, è diventato anche un obiettivo dell’Inter. Ricordiamo che nel corso della sua carriera lo svedese dal nome slavo ha già militato sia nel Milan che nell’Inter: con la maglia nerazzurra ha giocato dal 2006 al 2009, gli anni degli scudetti manciniani; con quella rossonera, invece, è stato protagonista dal 2010 al 2012, conquistando lo scudetto  della gestione Allegri. Fa discutere, poi, l’offerta shock di Berlusconi & Galliani per la giovane promessa romanista Romagnoli: ventitré milioni

La squadra ambrosiana, intanto, si assicura per quattro anni le prestazioni di Jonathan Biabiany, talentuoso centrocampista francese-guadalupense  cresciuto nelle giovanili dell’Inter, e quindi mandato in giro per lo Stivale a farsi le ossa: Chievo, Modena, Sampdoria e Parma le tappe che hanno preceduto il suo ritorno all’ovile, anche se nel 2010,  durante la breve era-Benitez, aveva avuto modo di riassaporare i colori nerazzurri per il tempo necessario a vivere la gara di Supercoppa Europea e a giocare la finale del Mondiale per club, dove segnò anche il primo gol.

Nell’ultimissima fase del mercato estivo di serie A 2014-15 Biabiany fu ad un passo dall’approdo al Milan: con il Parma era già tutto pronto perché il giocatore venisse scambiato col difensore rossonero Zaccardo, ma alla fine il rifiuto di quest’ultimo di trasferirsi in Emilia fece saltare la trattativa. E il Diavolo si rifece con Giacomo Bonaventura, il Donadoni del futuro arrivato dall’Atalanta come quello originale.

Manchester City: con l’arrivo dal Liverpool di Raheem Sterling, ala anglo-giamaicana, via libera per Jovetic, che il Mancio non vede l’ora di abbracciare, e per Dzeko, un altro grande sogno della Roma, che ha già realizzato quello di mettere sotto contratto iago Falque (arriva dal Genoa, in prestito).

Probabile colpo turco per la Juve: Allegri vuole Mesut Özil, centrocampista della nazionale della Mezzaluna e dell’Arsenal. Il suo ambientamento a Torino potrebbe essere facilitato dalla presenza di un caro amico, il tedesco-tunisino  Sami Khedira arrivato in bianconero dal Real Madrid alcuni giorni fa.  Intanto arrivano srgnali di apertura dall’agente di Ezequiel Lavezzi, attaccante argentino del Psg ed ex Napoli: si può trattare.

Sull’altra sponda calcistica sabauda, il Torino va sul made in Italy di qualità e preleva dall’Atalanta due ottimi rinforzi: Daniele Baselli e Davide Zappacosta.

PARTECIPA AL GIORNALE

Sei già registrato?

Accedi con login e password